PROGETTO 3G – OCCHIO MECCANICO

La 3G sarà coinvolta nei mesi futuri alla realizzazione di un OCCHIO MECCANICO cioè la costruzione meccanica delle parti fondamentali di un occhio quali SCLERA – CORNEA – BORDO CILIARE e CRISTALLINO.

L’iniziantiva parte da uno schema classico dell’occhio che vedete rappresentato qui sotto.

il tutto vedrà coinvolta la classe nel destreggiarsi con la lettura del disegno, la realizzazione di un disegno 3D tramite software adeguato e il calcolo del potere della lente (cristallino) in relazione alle dimensioni dell’occhio. Lo scopo è quello poi di stampare le singole parti tramite una stampante 3D tenendo in considerazione che il progetto (non volevo dire questa parola ma l’ho detta!!!!) sia modulabile cioè sezionabile e visibile delle singole parti.

Una prima idea appare raffigurata qui sotto.

Il tutto è coordinato dalla Prof.ssa MF. Amato

—————–  INIZIAMO—————-

FASE NUM. 1

PERCHE’ FREECAD

La scelta del CAD è stata effettuata basandoci sui seguenti criteri:

  • Programma di disegno in 3D Open Source
  • Programma FREE
  • Un CAD compatibile in Output con il formato STL per le stampanti 3D
  • Un CAD che comprendesse più moduli tra cui: disegno 2D – Rendering – Simulazioni di carico – Possibile utilizzo con l’Ottica ed espandibile in un futuro.

Tra i diversi CAD in circolazione ed escludendo quelli con licenza a pagamento e piattaforme compatibili solo con il sistema Windows la scelta è caduta su Freecad (https://www.freecadweb.org/?lang=it)  per i seguenti motivi:

  • FreeCAD è un software CAD di modellazione parametrica 3D creato principalmente per progettare oggetti reali di qualsiasi dimensione. La modellazione parametrica consente di modificare facilmente il disegno andando indietro nella sua storia e cambiandone i parametri. FreeCAD  è altamente personalizzabile, gestibile tramite script ed estensibile.
  • FreeCAD è multi-piattaforma (Windows, Mac e Linux) e può essere scaricato da qui: https://www.freecadweb.org/wiki/Download

  • FreeCad legge e scrive diversi formati aperti di file quali STEP, IGES, STL, SVG, DXF, OBJ, IFC, DAE e molti altri.

inoltre FreeCAD è infatti rivolto a:

  • Utente occasionale o hobbista. Avete un progetto che desiderate realizzare e volete costruirlo o stamparlo in 3D? Modellatelo in FreeCAD. Non è richiesta nessuna precedente esperienza CAD.
  • Al programmatore. Quasi tutte le funzionalità di FreeCAD sono accessibili via PYTHON. Le funzionalità di FreeCAD si possono facilmente estendere e automatizzare con script ed è semplice costruire dei propri moduli e persino incorporare FreeCAD in un’altra applicazione.
  • All’ educatore. Un docente può Insegnare ai propri studenti l’utilizzo di un software libero senza preoccuparsi di acquistare alcuna licenza. Gli studenti possono installare la stessa versione a casa propria e continuare ad usarla dopo la scuola.

Per rendersi conto delle potenzialità di FreeCad e dei suoi campi di impiego basta visitare la seguente pagina https://www.freecadweb.org/wiki/Screenshots

Inoltre lo stesso sito è ricco di esempi e di manuali. Un ottimo manuale in italiano può essere scaricato dal seguente link:

https://drive.google.com/file/d/0ByIl7kMTh6UgbHVsUmVQNDBVZWM/view

 

FreeCAD è un software CAD di modellazione parametrica 3D. Lo sviluppo ed il codice sorgente vengono portati aventi tramite la filosofia Open Source (Licenza LGPL). FreeCAD è studiato per l’ingegneria meccanica e per il product design (progettazione del prodotto) ma è sfruttabile per un’ampia gamma di applicazioni, che vanno dall’architettura ad altre discipline ingegneristiche.

L’utilizzo e le funzioni di FreeCAD sono simili a quelle di Catia, SolidWorks  o Solid Edge, (sono CAD a pagamento e “girano solo su piattaforma Windows) e rientra anche nella categoria di MCAD, PLM, CAx e CAE.

È un Modellatore parametrico di solidi con una architettura modulare che permette l’aggiunta e lo sviluppo di nuove funzioni con estrema facilità, senza modificare il “cuore” del software.

Come ogni moderno strumento di modellazione 3D è provvisto di uno strumento di visualizzazione in 2D a partire dal modello spaziale, ma il disegno in 2D di tipo AutoCAD LT non è lo scopo del software, e non rientrano negli interessi principali neanche le animazioni come Maya, 3ds Max, Blender o Cinema 4D, anche se, grazie alla sua estrema flessibilità, FreeCAD può essere molto utile in numerosi altri campi che non fanno parte dei suoi interessi attuali.

Inoltre, FreeCAD è totalmente multi-piattaforma, ed allo stato attuale è in grado di funzionare senza problemi su Windows, Linux/Unix e Mac OSX, conservando inalterate le caratteristiche e le funzionalità su ognuna di queste piattaforme.

Il prossimo articolo vedremo come si usa nei suoi aspetti base realizzando con una guida la prima componente dell’occhio, la Sclera.

A presto

r.t.   04/02/18

ARTICOLO SUCCESSIVO

Seguici su:
Questa voce è stata pubblicata in Post di Tiziano, Senza categoria. Contrassegna il permalink.