LE STORIE CHE CONTANO TI CAPITANO ALL’IMPROVVISO

Le vere storie della vita sono quelle che ti capitano all’improvviso e ti prendono di sorpresa come quella che ė capitata a me in un pigro lunedì di novembre.
Tutto il resto vale come il due di picche….lavoro….promesse….futuro…..amici e il destino non ha avuto nemmeno il coraggio di guardarmi in faccia……silenzioso come una gatto
Ho visto il tempo scorrere lento e inesorabile senza capirne se ne facevo parte sospeso nel tempo, che deve decidere, per poi tornare indietro per sistemare la sequenza e fare dimenticare tutto forse anche questo momento.Qui in ospedale sembra che tutti abbiamo la nostra parte e la recidiamo …. Chi annega i ricordi nei dischi, chi nella musica chi nella tv…..chi dorme….tutto pur di non vivere la giornata.
Latte caldo o the? Ė uguale …uguale come queste giornate che passano…..e tutti ci sentiamo qui ” nel mezzo” ne vivi ne morti…..questa è una pseudo vita…..perché ci chiediamo vivere x un futuro? Per noi.? Non ne vale la pena…. Per la famiglia?..qui c’è gente che non ce l’ha nemmeno o l’ha persa e allora perché per chi?….non sappiamo darcela una risposta, si va avanti per forza di inerzia….sei con gli altri ma sei solo con se stesso….vorresti esserci anche con la mente ma non puoi, la mente è altrove e il solo corpo rimane presente e tutto ma proprio tutto fa dimenticare che ė Natale. Da una parte fa bene e chissà potrebbe anche riuscirci.
Qui mi dicono che sono molto fortunato….capita una volta su mille che un “eco” al cuore identifichi una cardiopatia prossima a tanto così da un infarto…..e se pensi che non sei capitato in un ospedale per questo ma per altro ….. ecco che il mondo ti capita addosso o ci prova a farlo.
Si sono fortunato mentre il cardiologo mi azzera tutto il futuro con le sue parole….con le prospettive sicuramente non rosee…..e io non lo capisco nemmeno…..so che non ho dolore ..che vivo bene e che vorrei andarmene ma non potrò fare la maratona di New York…mi blocca.
Il ventricolo sinistro non riceve sangue e ad un passo da essere compromesso….qui il tempo che mi danno è breve ……
Nel giro di pochi giorni passo da …”Tac”…..”ecocardiografia”, “risonanza con contrasto”…”ecostress” “coronografia” e ….”angioplastica”…..e non è finita…..forte terapia medica e riabilitazione.
Insomma….mi convinco che sono morto il 24/11/14……adesso devo rinascere e tutto spetta a me…….il mio “Angelo Custode” questa volta ha fatto la sua parte e non era distratto in altro quando ne ho avuto bisogno…..Lui…non arriva quando si chiama ( e quante volte l’ho chiamato x me o per gli altri!!) ma quando serve.
Anche Dio ha fatto la sua parte ….dandomi un cuore che ha curato da solo come un gatto gli errori che ho fatto trascurandolo, dedicandomi altrove in fatti, lavoro, che non meritano il mio cuore……e l’ha fatto senza disturbare ma adesso non ce la fa più.
I medici che ho incontrato…..come “Angeli in terra” hanno fatto tutto senza chiedermi di me, di che partito sono, religione, tendenze sessuali, professione o altro come fanno tutti come presupposto di una falsa amicizia…..meno discriminatori di molti “padroni”, “preti”, “colleghi”,  e “pseudo-amici” che ho conosciuto e di cui ne sono circondato….. ma adesso tocca a me a dare un senso a tutto questo

Seguici su:
Questa voce è stata pubblicata in Post di Tiziano, Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.