LA PERFEZIONE CHE NON HO

Di solito funziona così, che ciascuno di noi nella vita magari in modo a volte inconsapevole fa delle promesse.
Poi alcuni dimenticano le promesse fatte, altri le mantengono e qualcuno non le mantiene.Iniziamo da piccoli a fare promesse facendo tacitamente capire ai grandi che a scuola saremo senz’altro promossi, che in gita faremo i bravi, che non disubbidiremo mai ai genitori, che non fumeremo e che non beveremo alcool, che in auto non correremo mai, che faremo dello sport sano.
Che poi troveremo una persona da sposare e tireremo su famiglia e che saremo delle persone responsabili e che tutti saranno orgogliosi di noi.
Poi si cresce e cambiano i rapporti ma non le abitudini alle promesse.
Firmiamo contratti, mutui perché dare solo la parola non basta più.
Promettiamo di mantenere figli e di essere fedeli sempre nella gioia e nel dolore… Nella salute e nella malattia.
Facciamo promesse che sono come profezie che si autoavverano e ci obbligano a rispondere di quello che facciamo o di quello che non facciamo, perché è andando fino in fondo e solo mantenendole che manteniamo un posto sulla terra.
Le promesse poi che non abbiamo mantenuto raggiungono presto un livello che non sopportiamo più perché il non averla realizzata è più importante del suo contenuto.
È come perdere quella parte di noi che gli altri vedono perché le nostre promesse che sono aspettative per gli altri dicono chi siamo realmente
Questo peró ci obbliga a non deludere nessuno ed essere sempre all’altezza di ciò che gli altri si aspettano da noi.o
Avviene quindi che una moglie è sicura che sai “sempre” la strada giusta quando sei in auto.
Un padre ha la certezza che suo figlio si laurei presto oltre che essere un “genio”
Tutti gli amici si aspettano che tu abbia “sempre” la battuta giusta.
I colleghi sanno che sarai tu ad organizzare il rito dell’ASL* di quest’anno
Ognuno di noi con il proprio carattere e con la propria indole fa delle promesse e crea aspettative agli altri in attese che ci inchiodano.
Avete capito che non sto parlando di promesse dette o dichiaratamente espletate ma di quelle abitudini che ognuno sviluppa e che gli altri percepiscono e quindi ci si aspetta che tu fai quella cosa li!… E se non la fai ….. c’e qualcosa che non va …. Come se fosse possibile essere sempre divertenti o sempre saggi o che si dica sempre la cosa giusta al momento giusto.
NO! Può essere che semplicemente quella aspettativa la deludo.
Tutti si aspettano da me che io sorrida sempre…la perfezione … La abnegazione.
Non so come ho fatto a costruire questo quadretto ma io proprio di ridere non ne ho voglia più e la perfezione, ve lo assicuro…non sta proprio in me.

*Alternanza Scuola Lavoro

Seguici su:
Questa voce è stata pubblicata in Post di Tiziano, Senza categoria. Contrassegna il permalink.